CLICK HERE FOR THOUSANDS OF FREE BLOGGER TEMPLATES »

sabato 17 gennaio 2009

Intelligenza emotiva

Ogni anno all'asilo dove lavoro si tengono corsi di aggiornamento diversi quest'anno è stato scelto lo Sviluppo dell’intelligenza emotiva come:

1) intelligenza intrapersonale ( conoscenza di sé, ascolto interiore, connessione con il proprio sé superiore, consapevolezza delle proprie emozioni)

2) capacità di riconoscimento in sé stessi e negli altri delle emozioni di base e delle loro sfumature, che consente di dare alle emozioni il nome appropriato

3) comprensione delle situazioni o delle reazioni che producono i diversi stati emotivi

4) autostima e fiducia in sé stessi

5) intelligenza interpersonale ed empatia nei confronti dei propri simili

6) capacità di riconoscere i propri comportamenti scorretti o inefficaci e modificarli assumendosi la responsabilità delle proprie azioni

7) capacita di individuare i propri obbiettivi e raggiungerli nel tempo stabilito

8) uso delle abilità acquisite

L’adulto per aiutare il bambino a sviluppare l'intelligenza emotiva deve per prima cosa sviluppare la sua poi:

- essere un buon modello da imitare,

- comunicare con i bambini e ottenere la loro fiducia facendoli sentire “ascoltati”,

- comprendere i segnali di disagio lanciati da canali non verbali,

- gestire le proprie emozioni. Rassicurare e aiutare i bambini a sviluppare l’empatia.

- distinguere le emozioni dai comportamenti. Riconoscere e rispettare tutte le emozioni proprie e dei bambini, modificare i comportamenti inefficaci e insegnare anche ai bambini a farlo.

- imparare a mettersi in gioco nel rapporto interpersonale

-accettare che ogni bambino è diverso dagli altri.

Un compito sicuramente difficile quello dell'educatore, la strada da fare è tanta, l'autoanalisi è sicuramente il primo passo verso la meta ed io sono pronta a dipanare la matassa....o almeno credo un po' di nodi ci sono...


17 commenti:

Lone Wolf ha detto...

In bocca al Lupo allora.

E se a dirlo sono io...

;)

Nella ha detto...

E' Iniziata la guerra degli abbracci
porta questo abbraccio a 10 persone,
inclusa la persona che te lo porta
abbraccio
abbraccio
abbraccio
abbraccio
abbraccio
abbraccio
abbraccio
abbraccio
abbraccio
abbraccio
abbraccio
abbraccio
abbraccio
abbraccio
abbraccio
abbraccio

Tu sei appena stato abbracciato/a
lui abbraccia la sua lei
abbracciamo gli amici ed i nemici, il mondo intero.
L'abbraccio è il più grande gesto d'amore può far risplendere una giornata,tutti abbiamo bisogno di un abbraccio.
Distribuiamo amore virtuale con un abbraccio.
Io ti dò il mio abbraccio!!!
Un grande in bocca al lupo ;P

stella ha detto...

Brava luce a pubblicare questo post molto interessante per educatori e genitori.

Se non ti dispiace, lo pubblicherei anch'io appena possibile.

Fammi sapere.

Buona domenica!

frammentidivita ha detto...

Sì davvero interessante, poi si vede che fai del tuo lavoro un motivo di interesse sociale.Ti abbraccio.Maria

sabrina ha detto...

Grazie Luce per essere passata a trovarmi. Credo che nel fare l'educatrice ai bambini oltre che a determinate regole uno deve metterci anche del suo dedicando a quello che fà molto amore, e credo che te con la tua dolcezza possa fare molte cose. Ti auguro una buona domenica, ciao da Sabrina

butterfly.23 ha detto...

bello lavorare con i bambini...ma non dev'essere facile! complimenti...

Pupottina ha detto...

ciao Luce.....
deve essere interessantissimo questo corso....
non avevo mai sentito parlare di intelligenza emotiva... credo si tratti di uno studio a parte della psicologia.... che è una materia che mi ha sempre affascinata....

Pupottina ha detto...

tranquilla! metto la manu sul fuoco: Dexter non ti deluderà nella seconda stagione...

ciaoooooooo

^_______________^

fratello vento ha detto...

sembra di essere ad un corso per futuri manager di azienda!! ha...questi tempi moderni! ai miei tempi non c' era quaeta roba!!

ciao a presto!

Stefano ha detto...

Sono regole che dovrebbero stare affisse sulle pareti degli uffici di potere di tutto il mondo.

"Essere un buon modello da imitare".

Sembra di sentire il grande Sandro Pertini quando sosteneva -a ragione- che i giovani non hanno bisogno di sermoni, ma di esempi di lealtà.

Antonio Candeliere ha detto...

molto interessante.

Silvia ha detto...

"essere un buon modello da imitare", vero, qualcosa di essenziale: ché se siamo il meglio noi possiamo far sì che lo siano i bimbi cui insegnamo.

Tutto questo è molto interessante!

;-)

parolearia ha detto...

Molto interessante, ho letto il libro di......non ricordo il nome, sull'intelligenza emotiva! pesante ma illuminante!

Il Massimo ha detto...

Effettivamente svolgi un lavoro delicato e di grande responsabilità. Certo che seguire tute le regole che hai esposto presuppone di essere quasi degli automi senza debolezze, sentimenti e senza comettere errori. Ma l'essere umano è debole e di questo ne sono felice!
Non per questo che non tenda a comportamenti corretti e/o razionali ma a volte ho voglia di trasgredire.
Ciao.

Tonino ha detto...

E' un tema interessante. Ci sono persone, infatti, intelligenti, che non hanno rapporto con le proprie emozioni e non sono quindi in grado di sfruttare il proprio QI.

Luciano ha detto...

Avere a che fare con i bambini di oggi non è per niente facile..... un impegno difficile per tutti!
Ciao

Nina ha detto...

un corso simile sarebbe utile anche ai genitori...