CLICK HERE FOR THOUSANDS OF FREE BLOGGER TEMPLATES »

mercoledì 20 febbraio 2008

Impronte


Il colore scende dal barattolo verso il piatto, una scia che si trasforma in un lago. Le tinte si mescolano creando nuove sfumature, le tonalità si sovrappongono in un gioco di luci. Una piccola mano ostenta vicino al piatto, indecisa se affrontare o meno una nuova sensazione, un piccolo incoraggiamento e poi osa. Un tuffo nel lago, una nuotata nel colore che si spande, ti avvolge, ti ricopre con la sua intensità, la sua corposità , la sua freschezza. Poi la piccola mano si solleva, due occhietti curiosi la scrutano ed un sorriso soddisfatto si fa strada superando l'incertezza e la curiosità. La mano scende verso il foglio e si solleva con una lentezza inimmaginabile. Gli occhi attenti notano l'impronta sulla carta bianca, la soddisfazione di aver lasciato un proprio segno di riconoscimento dilaga ed altre impronte si susseguono alla prima, come una traccia indelebile del nostro passaggio.
Oggi al nido abbiamo dipinto con le mani.

3 commenti:

lindöz ha detto...

Che belle parole.
Sono queste piccole cose, le più semplici, che riescono a farti apprezzare la vita rendendola semplice e felice.

aModoMio ha detto...

lindoz mi hai rubato le parole di bocca!
sembra quasi di esserci stata...

Nina ha detto...

Che bello! Immagino l'entusiasmi dei piccoli pittori in erba!!! :)