CLICK HERE FOR THOUSANDS OF FREE BLOGGER TEMPLATES »

lunedì 3 novembre 2008

Stadi della comunicazione

Quante volte restiamo in silenzio davanti ad un film o ad un telefilm, le immagini scorrono, le parole ti riempiono gli orecchi e ci sentiamo saturi, quante volte dimentichiamo l'importanza di comunicare, parliamo, ci scambiamo i convenevoli sul tempo, sulla salute, spettegoliamo dei conoscenti, discutiamo sulla politica, raccontiamo come è trascorsa la giornata ma non comunichiamo come veramente vorremmo. Solo in rare occasioni riusciamo a sfuggire alla mediocrità di parole vuote ed iniziamo a comunicare; entriamo in contatto, attraverso sguardi, silenzi e vere parole, la tua anima si fonde con la mia, riesci a penetrare le mie ansie, le mie paure, i miei segreti, la mia felicità più profonda ed io finalmente posso vagare dentro di te ed a quel punto siamo una cosa sola un fiume di sensazioni, emozioni e parole cariche del loro significato più profondo. Sono momenti magici, rari e meravigliosi sono attimi brevi ed infiniti al tempo stesso, sono momenti che dovremo concederci più spesso, quelle porte che devono restare socchiuse per timore di soffrire dovrebbero aprirsi più spesso, ma la mia porta si apre solo con la tua chiave.
Mi piacerebbe potermi aprire e comunicare anche con altre persone, magari ad una profondità diversa ma riuscire ad aprirmi, chissà se un giorno riuscirò a fare una copia della tua chiave.

20 commenti:

frammentidivita ha detto...

Ed è la comunicazione più bella quella fatta di soli sg uardi che ti penetrano nell'animo come lama tagliente e il solo ricordo ti fà venire i brividi.Ciao Ccarissima.

Danx ha detto...

I convenevoli e le discussioni sulla tv sono ciò che odio e rifuggo!
Bisognerebbe parlare molto di sogni e ideali!

Nella ha detto...

A volte uno sguardo vale più di 1000 parole ^_^
Un bacio

Pupottina ha detto...

la comunicazione procede per sta, come hai ben detto, e prima o poi comprenderai chi vuoi, ma la comunicazione irmarrà sempre un po' sfuggente così come lo è per noi stesso credo... non sempre riusciamo a comprenderci, così come spesso ci meravigliamo delle nostre reazioni

buon martedì ed ancora tanti auguri per la notizia del post precedente.... wow! non devo mai desistere...
il tuo è un messaggio di speranza.
ciao ^_________________^

Vale ha detto...

Anche il tuo blog è un modo per comunicare un pezzetto di te...
Magari un pezzetto che - per tempo, fretta, praticità - non riesci a esprimere altrove...
Gli altri, come hai detto tu, sono momenti magici e non vanno mai sprecati.

Darjo ha detto...

si parla tanto, troppo... e raramente si riesce davvero a comunicare.

4000foto ha detto...

Se parli del tuo uomo, è un privilegio. Perchè io il senso di profondità e comprensione, lo provo con pochissimi, due , forse tre. E' come fosse nato con noi. Posso non vedere per sei mesi, la mia amica dell'adolescenza, così diverse (tranne che per l'umorismo comune) eppure ecco, ci si vede, ci si siede ed è sempre, ogni volta speciale, un momento nostro, esclusivo. C'è chi ti legge, se non sà i perchè, i lati pratici, sà quel che senti, come lo senti, lo sente con te. Due sguardi diversi ma nella stessa direzione. E non devi mai cercare argomenti per riempire vuoti, come capita nel quotidiano. Non ho mai avuto un uomo che avesse le chiave. Amici, anzi , amiche. Tu mostri il tuo rovescio della medaglia, però, rimane un privilegio. Un privilegio raro.

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Serve sempre e comunque una grande fiducia verso il prossimo, che non tutti si sentono di offrire.
Un saluto

Tonino ha detto...

Per iniziare a comunicare basta un email. Devi solo scegliere con chi. La rete non è un mondo facile, ma c'è anche un sacco, ne sono convinto, di umanità autentica.

digito ergo sum ha detto...

l'uncità di certi momenti è indissolubilmente legata alla loro frequenza. il troppo storpia. il poco incoraggia ad averne ancora. qualcosa che stimola il giusto equilibrio.

Buba ha detto...

riuscire a mettere a nudo la propria anima con qualcuno è un'emozione grandissima, quanto come riuscire ad ascoltarlo con affetto e attenzione senza giudizi prevenuti... sono attimi magici da godere in pieno....

Danx ha detto...

Ciao, allora ti do un po di news:

Vignetta su Obama e Silvio:
http://danxfotoblog.blogspot.com/2008/11/vignette-atto-iii.html

E blog su Obama:
http://tuttoobama.blogspot.com

Federica ha detto...

c'è un premio per te da me!

Tony Pannone ha detto...

Non basta comunicare per vedere veramente con chi stai parlando..... Quando con la tua stessa chiave riuscirai ad aprire la porta dell'altro allora allora vedrai l'altro per quello che veramente è.... ciao Luce.

stella ha detto...

Tutto procede bene,luce?Tony ha perfettamente ragione ...ho toccato con mano!

XPX ha detto...

Tante forme di comunicare .. ma la migliore è quella diretta, guardandosi negli occhi per cercare di capirsi nel profondo.
Ciao.

XPX ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Darjo ha detto...

premio dolcezza per te su mad world

Pupottina ha detto...

buon inizio settimana

^___________________^

evita*°** ha detto...

Le tue parole riescono sempre a toccare mondi che altri lasciano inesplorati. Almeno io.
Comunicare..mettere in comune, avvicinare, rendere uguali due cose diverse, rendere livelli diversi vicini.
Credo significhi questo in latino.
E sai che quando si va a fare Comunione in chiesa si dice "comunicarsi"? Perché in quel momento tutti tramite l'ostia consacrata diventano uguali.
E' un concetto bellissimo, che ci si creda o no.
Io ho conosciuto un uomo molto intelligente che sosteneva che c'è vera comunicazione solo in quel momento. Tutto il resto è solo un tentativo.

Mi ha sempre fatto pensare questa enunciazione! E se ci ripenso ora, mi fa pensare ancora..!
Un abbraccio